Ciao Gigi: L’ultimo ragazzo fatto con il pennello ….

Se ne è andato così il grande Gigi con un ultimo colpo di teatro, nel momento esatto del suo ottantesimo compleanno. Lui che alla vita ha sempre dato del tu continuando a scherzarci, ci ha lasciato ironia della sorte proprio nel giorno di cui spesso ironizzava nelle sue battute: “Che dobbiamo fa’? La data è quella che è, il 2 novembre.”

Attore, drammaturgo e regista ha dato tanto allo spettacolo, entrando a far parte del immaginario collettivo. Amato dal pubblico per la sua simpatia. Sempre con il sorriso sulle labbra attraverso la schiettezza che lo ha contraddistinto, riusciva a raccontare la stramba realtà italiana strappandoci spesso una risata.

Mamma casalinga e padre impiegato, si è fatto da solo il grande Gigi. Figlio di una scuola di attori come Sordi, Gassman, Mastroianni che hanno raccontato la nostra Italia dal dopo guerra ad oggi tra: povertà, ricchezza, boom economico e mille vicissitudini, con bizzarri personaggi dalle tante facce.

A piangerlo oggi è sopratutto Roma sua città natale e i Veri Romani. Perché nei film, nelle battute, negli sketch ha sempre raccontato la capitale De Noartri. Una Roma fatta De poveracci, birbaccioni e fiji de na mignotta, che con King Soldatino e D’Artagnan tentavano di sbarcare il lunario.

Ah quasi me dimenticavo quanno arrivi lassù salutaci Er Sor Marchese!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...