Pescara: il momento della verità

Dopo i due pareggi in terra lombarda il Pescara è atteso ad un trittico di partite, di cui due su tre in casa, dove occorre conquistare necessariamente nove punti per agganciare il treno play out. Sperando poi negli ultimi restanti match, con la classifica che ci dia una mano mettendo fuori dai giochi Cremonese e Salernitana, con un non più nulla da dire. Anche se a Salerno impegnati per la promozione diretta sarà difficile.

Le ultime due trasferte

Nel 1-1 di Monza si è vista sicuramente una squadra più propositiva, che forse avrebbe meritato la vittoria con un pizzico di fortuna in più. Contro le rondinelle invece i biancazzurri hanno fatto un netto passo indietro, dovuto anche ad errate scelte tecniche, quel 4-3-3 improvvisato e molti uomini fuori posizione, il danese Odgaard non sembra essere proprio un ala destra.

I prossimi impegni

L’Entella ha ormai tirato i remi in barca, mentre la Reggiana è davvero poca cosa, giocarla in casa è un grosso vantaggio. Cosenza un campo ostico per tutti. L’assenza dei tifosi in questo caso aiuta il delfino ed i ricorsi storici che hanno visto più volte gli Adriatici corsari al Gigi Marulla, sono di buon auspicio.

La volata finale tra tante incognite

L’impresa è davvero ardua per tanti fattori: da un allenatore non proprio pronto alla categoria senza nulla togliere al lavoro fatto fino ad ora, alla solita solfa su una società attratta solo da guadagni volta a mantenere la categoria avvalendosi della collaborazione dei numerosi corvi che pullulano intorno al panorama calcistico. Ma quello che manca sopratutto alla squadra è la grinta, la garra per dirla alla sudamericana adatta a vincere queste battaglie. Per i più nostalgici fare riferimento al Pescara di Rumignani. Non c’è un leader che si prenda il gruppo (e forse non c’è neanche un gruppo) sulle spalle e faccia la differenza. L’anno scorso eravamo nei piedi di un terzino Zappa, quest’anno in quelli di un mediano trentatreenne Dessena. Tutto il resto tra infortuni e giornate no, vanno ad intermittenza e questo la dice lunga per come sarà dura l’avventura.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...